06 settembre 2006

I grandi classici della natura (70)

La pelle grassa dell'ippopotamo.

13 commenti:

RL ha detto...

Grassa.. nonostante gli impacchi giornalieri di fanghi... e comunque piaciuta, visto il risultato a fianco...

Filter ha detto...

Rotella: sì, ma bisognerebbe chiedersi dov'è il padre.

RL ha detto...

A guardare la Lapdance degli Ippopotami versione Fantasia di Disney..

Ladra di Caramelle ha detto...

Urge uno scrub, presto, presto!

Filter ha detto...

Rotella: mi verrebbe da dire "che maiale", non fosse che per me è fargli un complimento.
Ladra di caramelle: dici che uno basta?

Ladra di Caramelle ha detto...

Dipende, io suggerirei uno scrub con la ghiaia. In questo modo uno dovrebbe bastare.

Filter ha detto...

Riferirò, ma la vedo dura.

gloriamundi ha detto...

Inoltre ci sono anche i baffetti. Una ceretta delicata sarebbe l'ideale. Perchè scolorirli poi non va bene, appaiono bondi sulla pelle così ben uniformente abbronzata... No no no...

Filter ha detto...

Gloriamundi, comunque poi ricrescono. Suggerirei il laser.

gloriamundi ha detto...

Eh, ma è stato dimostrato che anche con quello poi ricrescono... Dopo un po' più di tempo rispetto a cerette ed altro, ma riscrescono. I peli sono una piaga. E' inutile.

Filter ha detto...

Lo sospettavo. D'altronde, non fosse così, le aziende userebbero gli ippopotami per pubblicizzare i risultati spettacolari delle loro tecniche. Invece negli spot non ci sono mai.

gloriamundi ha detto...

Beh, però sarebbero realistici... Sai quante donne potrebbero immedesimarsi nei "cavalli di fiume" (detto così è più poetico, nèè...) per stazza, peli e pelle grassa?

Filter ha detto...

No, non lo so. Per me le donne sono tutte fiori.