12 gennaio 2006

L'angolo del maiale (7)

Il maiale è un simbolo della lussuria. Forse perché si rotola nel fango con piacere visibile, si pensa che sia sfrenato anche nel sesso. "Porco!", dice la donna all’uomo che espone le sue intenzioni senza camuffamenti sentimentali. "Porca!", dice l’uomo alla donna che gode senza le ritrosie che, si immagina, le sono connaturate. Allo stesso modo, si dice che uno mangia come un maiale, che beve come un maiale, che sguazza in X come un maiale: cioè, con eccesso e senza sensi di colpa.

Direte: “sia lode al maiale!” Sì. Solo che in realtà il maiale è romantico. Timidissimo, il maschio si avvicina alla femmina con fare circospetto, segnalando il suo interesse con un sorriso imbarazzato. Subito, la femmina si ritrae un po', abbassando castamente lo sguardo. Seguono rituali sofisticati di corteggiamento. All'inizio, il maschio porta qualche ghianda, che la femmina accetta porgendo il muso, concedendo che lui lo strofini. Con radici, tuberi, piccoli frutti, i due creano una confidenza crescente. Infine, fattosi coraggio, il maschio si presenta con una piantina di alloro: se lei la accetta, segnala la sua disponibilità voltandosi. Solo allora il maiale dà sfogo alla sua robusta sessualità.

3 commenti:

LoForestieroProlisso ha detto...

"Dillo con un Maiale"

Vera ha detto...

Sempre avuto simpatia per i maiali!

Filter ha detto...

Cari Loforestieroprolisso e Vera, sento che arriverà il giorno in cui chiunque, sentendosi dare del maiale, arrossirà di piacere.